CONGRESSO NAZIONALE DI GENOVA: IL SALUTO DEI SERRANI AL PRESIDENTE NAZIONALE EMANUELE COSTA

giu 21st, 2018 | By | Category: Primo Piano
Il Vice Presidente alle Comunicazioni

Il Vice Presidente alle Comunicazioni

Caro Presidente,

il 30 giugno scadrà il tuo biennio di Presidente Nazionale del Serra Italia.

Una data importante, che abbiamo festeggiato con un po’ di anticipo nel corso del XVI Congresso Nazionale del 15-17 giugno, nella storica e splendida città di Genova, in un clima di grande affettuosità, circondati da tanti amici, giunti da ogni parte d’Italia e della Svizzera Italiana, che hanno voluto farti sentire la loro vicinanza in questa circostanza, come espressione di riconoscenza per tutto quello che, prima da vero Serrano, e poi da Presidente Nazionale, hai potuto e saputo realizzare per il bene del nostro amato Serra.

Un incontro di festa, quindi, e non di addio, perché siamo certi che continuerai  a dare tanto per la causa del Serra, di cui sei innamorato, quel “Serra che amo”, come tu stesso lo hai definito con il tuo primo editoriale sulla nostra Rivista “Il Serrano”, all’inizio del tuo mandato.

Non intendo, nel modo più assoluto, fare bilanci consuntivi, come spesso avviene in queste circostanze, ma soltanto condividere con te e con tutti i Serrani che ci hanno raggiunto nella meravigliosa città di Genova, culla del movimento serrano in Italia, questo momento di vicinanza, di stima, di affetto e di simpatia, come dimostrazione limpida della nostra gratitudine per il tuo lavoro.

Lo dico sinceramente: il Serra è un bene prezioso per le vocazioni sacerdotali ma, con la tua guida e con il tuo esempio, abbiamo imparato a sublimare questo valore inestimabile del Serra, a custodirlo gelosamente nel nostro animo e a sentirci ancor più vivificati  dalla fede che, come laici, ci impegna nel nostro servizio verso la Chiesa.

E questo perché il Serra, come tu stesso ci hai più volte ricordato, non è una organizzazione costituita da Club che si dedicano a semplici riunioni sociali, o ancor più a semplici incontri di preghiera, ma è, invece, la più grande organizzazione laica, e anche unica, che si distingue per il duplice impegno di favorire e di sostenere le vocazioni al sacerdozio ministeriale e alla vita consacrata, costituita da uomini e donne che, al di sopra di ogni interesse personale, dedicano tempo ed energie a quella che è la nostra missione.

Un biennio di servizio al sostegno e alla promozione sacerdotale, che è stato anche una grande opportunità di arricchimento per tutti noi, umanamente e culturalmente, pieno di esperienze e di emozioni, che hanno raggiunto il vertice nella Convention Internazionale di giugno 2017 a Roma e nell’indimenticabile ed esaltante udienza con Papa Francesco, Padre spirituale di tutti i sacerdoti del mondo, esempio da seguire nel percorso formativo dei sacerdoti per una Chiesa da rinnovare.

Ora la barra del timone della Presidenza Nazionale passerà a Enrico Mori, al quale formuliamo i migliori auguri per questo impegno gravoso, ma esaltante, che lo attende, nella certezza che saprà ben tenere la sua rotta verso porti sicuri.

A te, alla tua cara Bice e alla tua bella famiglia, che hai tanto sacrificato ma che ti è stata sempre tanto vicina in questo lungo e difficile percorso che hai appena concluso, i componenti del Comitato Esecutivo e del CNIS, i Governatori, i Presidenti di Club e tutti i Serrani d’Italia e della Svizzera Italiana, si stringono con tanto, tanto affetto, grati per il lavoro che hai svolto e per questa meravigliosa e indimenticabile avventura nella quale hai coinvolto e trascinato tutti noi.

Grazie Manuel

 

Cosimo Lasorsa

Tags: , , ,

Comments are closed.